home
English

la magia del vermentino nero

Un vermentino che non è vermentino

(bozza della prima puntata)

"Ogni riferimento a persone e cose è puramente casuale e soggetto a correzione."


Molti anni fa comparve un uomo sulla terra, per farla breve lo chiameremo Sapiens.

Da lui molti anni dopo venne alla luce un signore chiamato Fred vissuto all'età della pietra ,diede origine a tre figli che a loro volta ebbero tre figli a testa.

I figli dei figli di Fred si moltiplicarono e uno di loro con la moglie salì sull'arca di Noè.

L'amicio di Fred,un certo Barny ebbe tre figli che si moltiplicarono nel tempo e

nessuno di loro mai si sposò con i figli di Fred.

Noi tutti siamo discendenti o di Fred o di Barney conserviamo tracce differenti

dei loro caratteri e dei loro geni in un lungo filo chiamato D.N.A.ma tutti comunque discendiamo da Sapiens che a quel tempo aveva un d.n.a. così semplice da non presentare

differenze.

I vitigni moderni sono discendenti di una piccola piantina coltivata da Fred ed altri dalla piantina coltivata da Barney ma tutte e due le piantine sono nate da quella di Sapiens.

Le analisi genetiche del D.N.A. hanno provato che il vermnetino bianco è stato piantato da Fred e che l'altro vitigno a bacca nera è ststo piantato da Barney e non ha nulla da spartire (geneticamente parlando)tra di loro.

Questa è la magica storia del " vermentino nero",un vermentino che non è vermentino.

Negli anni settanta un esperto ricercatore di vitigni ha iscritto erroneamente questo vitigno

al registro nazionale( ampelografico?) italiano se così si chiama e lo ha chiamato Vermentino nero perché dall'esterno assomigliava a quello bianco.

A quel tempo non esisteva l'esame genetico del D.N.A. e quindi lo perdoniamo,ma non perdoniamo quelli che nonostante la conoscenza hanno sfruttato l'errore per farne il loro businnes.

La conoscenza vuol dire che negli anni 80/90 (poi preciseremo) l'università di Pisa con la supervisione del dott. Scalabrelli fece le ricerche genetiche e la relazione stilata stabilì

che i due vitigni non avevano NESSUNA affinità.

    Lascia un commento

    La tua email non sarà pubblicata.
    * Campo obbligatorio

    Si parla di

    Ultimi articoli

    Ultimi commenti

    1. @ Vinitaly 2018

      Il motto "guido senza guida" in pratica è che dopo l'adesione al gruppo vignaioli indipendenti abbiamo [...]

      Stefano Salvetti

    2. @ Vinitaly 2018

      Ciao,ho scoperto da poco i vostri vini e sono entusiasta.BBUonissimi. Ma cosa vuol dire il [...]

      Giorgio

    3. @ Vinitaly 2018

      Ci vedremo a Verona,non vedo l'ora di assaggiare questo super vino . Mi hanno detto che è [...]

      mauro vernazza

    Immagini random

    • #
    • #
    • #
    • #
    • #
    • #

    Newsletter

    Link utili